Blog Post SCI D’ERBA a Laceno

SCI D’ERBA a Laceno
Ago

30

2016

SCI D’ERBA a Laceno

Lunedì 29 agosto 2016 ci siamo recati al Campo Scuola di Laceno, non per fare il “solito” pic-nic o una scivolata sul tubing, ma per provare degli attrezzi completamente diversi: degli SCI! Certamente, essendo ad agosto non potevamo collaudare dei nuovissimi sci sulla neve fresca, ma dei particolari sci fatti apposta per l’erba! Questi sci, lunghi circa 60 cm, sono composti da una parte fissa dove si aggancia lo scarpone ed un cingolo che scorre sotto la forza di gravità.

Sci d'erba a Laceno 1100

Sci d’erba a Laceno 1100

Lo sci d’erba nasce in Germania attorno al 1960, su progetti e studi teorici che risalgono addirittura alla fine del secolo scorso (Austria, 1883). Tra alterne fortune, legate alla continua evoluzione del mezzo tecnico, sempre più affidabile e maneggevole, trova il suo massimo livello d’espansione negli anni 1970, raggiungendo anche l’Italia, attraverso l’Alto Adige. Al concetto di scivolamento tipico dello sci alpino, lo sci d’erba sostituisce quello di rullata condotta, data dalla caratteristica costitutiva dell’attrezzo, che strutturalmente si può definire come un pattino Cingolato o Microcingolo. Rifacendoci al nome della prima marca produttrice dell’attrezzo, la tedesca Rollka, diventa evidente la differenza applicativa: dal tedesco, Roll significa “rotolamento”, mentre la sigla “Ka” deriva da Kaiser, il nome dell’ingegnere che riscoprì e rilanciò il progetto iniziale. All’iniziale legame diretto con lo sci alpino, sia sul piano tecnico-metodologico, sia su quello applicativo e regolamentare, la disciplina ha progressivamente adottato un proprio modello di riferimento, assumendo caratteristiche specifiche. Lo sci d’erba è ora praticato a livello agonistico in 18 nazioni, tra europee ed extra europee, con un circuito di gare Internazionale, una coppa del mondo, un campionato del mondo junior (annuale), ed un assoluto (biennale). Inserito nel 1980 tra le attività della Federazione Italiana Sport Invernali, fa capo ad una propria Commissione Nazionale e Direzione Agonistica.

Il maestro FISI Vincent Vivolo prova gli sci sul campo scuola

Il maestro FISI Vincent Vivolo prova gli sci sul campo scuola

La pista tipo, con un rilievo morfologico possibilmente vario, deve permettere una sicura discesa allo sciatore. Sono da evitare tratti troppo stretti e ripidi oppure eccessivamente lunghi e pianeggianti, specie se con un cotico erboso scarso e con buche, sassi o radici affioranti. L’immagine del terreno ideale, in pratica, s’avvicina molto al mitico “green” di un campo di golf: un manto erboso fitto, non troppo morbido, con buona coesione superficiale, per subire, senza danno, il passaggio ripetuto di uno sci d’erba. La zona di partenza, per lo svolgimento di manifestazioni agonistiche, dovrebbe dotarsi di una pedana sopraelevata di dimensioni adeguate ad accogliere l’atleta ed i tecnici per il cronometraggio. La zona d’arrivo deve essere la più ampia possibile e con terreno pianeggiante per permettere agli sciatori un arresto privo di pericoli.

IMG_3897

Da questo punto di vista abbiamo individuato vari punti interessanti a Laceno per praticare questo sport. Si tratta delle parti finali delle ex-piste Maestri e Nordica a q. 1100 (anche se con fondo da ripristinare), ma è incredibile la vocazione per questa disciplina del Campo Scuola (pista praticamente perfetta per questo uso) e del tratto finale della pista Cuccioli a 1400 mt, aree che sono servite in inverno anche dal tapis roulant. Va ricordato però che attualmente questo tipo di attrezzo non è ne regolamentato ne è utilizzabile a Laceno. Per le nostre brevi prove e fotografie abbiamo chiesto consenso alla società Funivie del Laceno, che ringraziamo particolarmente per la disponibilità.  

IMG_3857

Tra l’altro va fatta anche la considerazione che lo sci d’erba, nelle opzioni per le attività estive del nostro questionario, è stata la seconda preferenza dei nostri utenti dopo il centro benessere, con 34 voti su 152! Chissà se in futuro potrà mai essere una valida attività estiva (o meglio non invernale) da praticare a Laceno!